Adaline – L’eterna Giovinezza

Adaline - L'eterna Giovinezza

Titolo Originale: The Age of Adaline
Nazione: USA
Genere: Drammatico
Durata: 110′
Anno: 2015

Regia: Lee Toland Krieger
Cast: Harrison Ford, Blake Lively, Michiel Huisman, Amanda Crew, Ellen Burstyn, Richard Harmon, Kathy Baker, Anjali Jay, Lynda Boyd, Barclay Hope, Chris William Martin.

Trama: Adeline, una giovane donna nata a cavallo del XX secolo, cessa misteriosamente di invecchiare in seguito a un incidente avvenuto in una gelida notte. Mentre custodisce gelosamente il suo segreto, Adeline intraprende una serie di incredibili avventure lungo tutto il corso del Novecento prima che, dopo anni di vita solitaria, trovi l’amore e il coraggio, necessari a vivere a pieno. Fonte Trama  


Basta registrarsi gratuitamente per vedere tutto il catalogo di CinemaGratis gratuitamente

Durante la registrazione possono essere richiesti dati come nome o mail o carta di credito - Soprattutto questa ultima è necessaria soltanto per avere una registrazione univoca della persona - non verrà addebitato alcun importo sulla vostra carta senza vostra autorizzazione


 

Critica: Quello che può sembrare un look patinato è in realtà funzionale al tono, all’atmosfera, allo scorrere di questa storia che in chiave genuinamente romantica ribalta il senso dei modelli e dei miti cui fa ineluttabilmente riferimento: da Faust a Dorian Gray. L’arcano fermo-età che capita alla non ancora trentenne Adaline Bowman sul finire degli anni Trenta è subito come un fardello, non è l’effetto voluto di un patto diabolico in nome dell’eterna giovinezza. E il suo futuro vivere sempre in fuga e senza legami perché destinati a finire e a moltiplicare la sua solitudine, diventa un’indiretta riflessione sui cortocircuiti che oggi vivono le società più ricche con il prolungamento della vita ma, spesso, non della sua qualità. Riuscito è l’equilibrio tra melodramma e spunti buffi: nella sbilanciata relazione tra madre e figlia (Ellen Burstyn, una delle attrici testimonial della grande stagione anni 70 del cinema americano), e poi nell’imprevedibile svolta che la storia prende con il cedere della protagonista a un nuovo innamoramento.
Da La Repubblica, 23 aprile 2015