Battle of the Year – La Vittoria è in Ballo

Battle of the Year: La vittoria è in ballo

Titolo Originale: Battle of the Year: The Dream Team
Nazione: USA
Genere: Musicale
Durata: 109′
Anno: 2013

Regia: Benson Lee
Cast: Josh Holloway, Josh Peck, Chris Brown

Trama: Gli Stati Uniti non vincono un titolo internazionale di break dance da oltre quindici anni. Per porre fine a questo record negativo, il magnate della danza hip pop a Los Angeles ed ex ballerino Dante (Laz Alonso) arruola nella sua squadra come coach l’amico Blake (Josh Holloway), ex allenatore di basket. Convinti che l’allenatore giusto possa trasformare in campione ogni squadra, assemblano un Dream Team con tutti i dodici migliori ballerini del paese, pronti a sacrifici e rinuncie nei tre mesi che li separano dalla più importante competizione di danza che si svolge ogni anno in Francia. Fonte Trama  


Basta registrarsi gratuitamente per vedere tutto il catalogo di CinemaGratis gratuitamente

Durante la registrazione possono essere richiesti dati come nome o mail o carta di credito - Soprattutto questa ultima è necessaria soltanto per avere una registrazione univoca della persona - non verrà addebitato alcun importo sulla vostra carta senza vostra autorizzazione


 

Critica: In un testacoda docufinzionale, lo specialista Lee mette in scena la preparazione della squadra statunitense all’edizione 2013 di Battle of the Year, la più importante manifestazione di breakdance al mondo. Adottando una struttura militaresca della narrazione (addestramento, discorso del sergente/coach, perdita del miglior elemento, battaglia), l’autore del doc. Planet B-Boy (2007) – più volte richiamato nel film – punta tutto sul concetto di “squadra al di sopra del singolo” e su Jason Blake, allenatore finzionale interpretato da Holloway con la consueta dose di piacioneria. Ex allenatore di basket da due anni preda dell’alcolismo, in seguito alla tragica morte di moglie e figlio, Jason inocula lo spirito di gruppo in un’accozzaglia di individualisti, ritrovando una “nuova famiglia”. Niente di nuovo sotto i balli: agli esemplari odierni di un filone così saturo di prodotti deteriori – da Step Up in poi è stato un fiorire di StreetDance, This Is Beat e Crew 2 Crew – servirebbe una buona storia per emergere dal guano. Oppure un’idea originale, che in questo caso risiede nell’inserire la truppa di attori e ballerini nel contesto tangibile del vero Battle of the Year, in quel di Montpellier, documentato con estratti dai materiali tv nazionali (per l’Italia c’è anche l’inviato di Sky Castelnuovo) e filmato nel suo emozionante svolgersi su e giù dal palco. Il sudore è autentico, l’entusiasmo pure. Per una volta niente orpelli posticci, solo corpi e figure. Non sarà molto, ma a suo modo sposta l’asticella del contemporaneo film ballerino. Porte aperte al sequel.