Cake

Cake

Titolo Originale: Cake
Nazione: USA
Genere: Drammatico
Durata: 92′
Anno: 2014

Regia: Daniel Barnz
Cast: Jennifer Aniston, Anna Kendrick, Britt Robertson, Sam Worthington, Adriana Barraza, Lucy Punch, Chris Messina, William H. Macy, Mamie Gummer, Misty Upham, Felicity Huffman, Rose Abdoo, Ashley Crow, Pepe Serna, Julio Oscar Mechoso.

Trama: Claire Simmons (Jennifer Aniston) sta soffrendo. Il suo dolore fisico è evidente nelle cicatrici che le riempiono il corpo e nel modo in cui cammina. Non è nemmeno brava a nascondere il suo dolore emotivo, rifiutando ogni tipo di interazione e allontanando da sé chi le vuole bene. L’unica persona rimasta accanto a lei è la governate Silvana, che tollera a malapena i suoi bisogni di alcol e farmaci. Fonte Trama  


Basta registrarsi gratuitamente per vedere tutto il catalogo di CinemaGratis gratuitamente

Durante la registrazione possono essere richiesti dati come nome o mail o carta di credito - Soprattutto questa ultima è necessaria soltanto per avere una registrazione univoca della persona - non verrà addebitato alcun importo sulla vostra carta senza vostra autorizzazione


 

Critica: Prodotto e interpretato da Jennifer Aniston, l’affascinante e divertente amica di pomeriggi e serate televisive, la fidanzatina un po’ strampalata delle nuove commedie romantiche yankee, autoironica quanto basta per non prendersi troppo sul serio e aggiungere al suo curriculum parti da svitata ninfomane, in Cake la incontriamo cresciuta e addolorata.
In un ruolo che scalfisce la sua bellezza da ragazza della porta accanto.
La osserviamo furiosamente sarcastica nel convivere con la propria tragedia privata, mentre fatica a rimettersi in sesto.
Ma è possibile che fatichi così tanto perché in realtà si rifiuta di ritornare ad una parvenza di normalità, che significherebbe buttarsi il passato alle spalle, voltare pagina, andare avanti.
Ripartire da zero o molto vicino dallo zero.
È lei, il principale ostacolo alla sua guarigione. Nell’anima come nel corpo.
Per il momento (che non conosce scadenza) sceglie di immergersi nella rabbia e di crogiolarcisi dentro, di annegare nelle overdose di analgesici così da anestetizzare l’insondabile sofferenza che le soffoca costantemente il petto, quella sofferenza che le procura incubi angosciosi, che le impedisce di trovare benefici dalle assidue sedute fisioterapiche.